BENVENUTI nel sito di ACR ..  ultimissime .. al Teatro Cts/Cam Olmi di Via delle Betulle,39 (ang. via Ontani-fermata 63) di Milano organizzata dall'ACR IL MILANESE ..si è tenuta la manifestazione"Artisti allo sbaraglio "1° Festival di Zona 7 Milano-Contro il BULLISMO" .. sabato 15 dicembre h 15/21,  i finalisti sono stati tutti premiati: Scuola Primaria Via Valdagno,8 Milano e Scuola Ercole Ferrario Classe; 4° B di Via Valdagno, 8 Milano "quadri dei ragazzi" buono per € 25,00;  Lucia Pesce "minuetto" violoncello € 25,00; Luciano Lottaroli "canzoni : quando quando" € 25,00; Gian Marco Pesce "Pianoforte", Giuseppe Torre, Micol Biaschi x la musica e le canzoni € 25,00; Domenico D'Urso acquerello € 50,00;  Remondi  M.C. € 25,00; Torre Giuseppe "Canzoni"  € 50,00 e Briaschi Micol "Canzoni"  € 25,00; Alessio Cavaglieri, Mario Bonvini e Rodolfo D'amico x la Poesia, Rosy x la Danza del ventre; Enzo Arrivabene x la difesa personale e Amina x la narrativa in milanese .. € 25,00. Premio di poesia IL BAGGESE/TROFEO LOMBARDO LIGURE, 19a Ediz. al Teatro Cam Olmi, sabato 15 dicembre 2007 h 15/23 vinto da: Tonon Giada e Alessio Cavaglieri della Sezione Poesia Giovane, contro il BULLISMO;  Canfora A., Boffi E., Crespi R., Sormani Ratti O., Managò M., Lavarini G. e  Lavarini A., Comotti M., Lodi M. e D'Amico R,- Della Sezione Dialetto; "Oscar internazionale della poesia in Lingua" a Domino G.; Guastavigna G.L., Stella Cometa O., Funiciello A., Comotti M., Grallo R., Calvano M., Pellegata A., Massara G., Ferretti S., -LINGUA; Bonvini M., La Rocca P.,  Comotti M., Raudo F., Perfetti L.,  D'Amico R., Villa F., - Della Sezione PROSA ... è stata una bellissima giornata, in particolare per i vertici di Acr  il milanese/Accademia  in quanto, non sollecitati si sono presentati due cittadini con una raccolta di firme dei Combattenti di Via Osteno,2 chiedendo l'interessamento per una civile convivenza con il Centro Anziani di Via Osteno (Merzario si è impegnato a portare in Consiglio di Zona 7 la questione… Visto il grande impegno  di Acr il milanese + volte ribadito dai rappresentanti del Comune di Milano, sono rimasti tutti soddisfatti. Poeti e Artisti ringraziano Acr il milanese, il Comune di Milano Ass. all'Identità e al Turismo Massimiliano ORSATTI (che ha anticipato la volontà di creare un tavolo di discussione costruttiva per le Associazioni e la necessità di incrementare la partecipazione del dialetto Milanese) ricordando inoltre che aveva già partecipato con M. Remigi ad una manifestazione nello stesso teatro, infine si ringrazia la Zona 7 per la concessione gratuita del Teatro e della grande disponibilità alla collaborazione ben riassunta dalla presenza dei Consiglieri di Zona ed in particolare del cdz 7 Federico LEONE; si ringrazia inoltre l'On.Collio per la gradita sorpresa che è stata apprezzata moltissimo da tutti,una presenza qualificata e competente… Graditissima la poesia in milanese recitata dalla poetessa Fulvia Oggionni; uno spettacolo animato da bravi artisti che ha dimostrato che occorre lottare anche contro il bullismo e l'arroganza dei poteri nascosti! ..visita il sito e trovi .."Acr Accademia e UNIVERSITA' del LAVORO per migliorare la VITA" sono aperte le iscrizioni ai corsi: Introduzione all'Archeologia, Arte del restauro, Ballo (Liscio, Gruppo e Latino), Cultura del dialetto (Milanese, Comasco, Sanremese),  Cucito e Taglio  (Maglia e uncinetto), Danza del ventre, Decupage, Difesa personale, Giornalismo, Italiano per stranieri,  Informatica, Musica, Poesia, Psicologia, Teatro, Volontariato,   ecc. (si possono proporre nuovi corsi con un minimo di 5 iscritti)"ultime"  notizie per i Soci, LETTORI e i Simpatizzanti di ACR .. 19a Ediz. 2007/2008!... Prosegue... intensamente l' ATTIVITA' di ACR: .. x altre info...  n° tel.  02 87392826 (segreteria/telefonica)-fax 0299980500 - cell.3402707829-...e-mail: info@acraccademia.it  oceano.rio@alice.it  oceano-r@libero.it delfino.sk@katamail.it Acr
CRV - UN MUSEO PER LA GENTE VALASSINESE…
"MUSEO STORIA E REALTA' DI UN POPOLO"
di ACR-CRV

Quando siamo stati chiamati, da Conti e Gagliardi a riscrivere la storia della Valassina e a rivalutare il ruolo di Asso, abbiamo rifondato "CRV" il mitico Centro Ricerche della Valassina, che spazia da Como, Erba, Canzo, Asso a Bellagio. Non è stato facile, rilevare il ruolo di Gagliardi e di Masciadri. Ci ha fortemente sostenuto il lavoro fatto dal "dr. Trivella", "Fratta", "Villa, "Morosini" e tutti gli altri, ma l'esempio che ci ha trasportato per mano era, ed è ancora davanti ai nostri occhi "Monsignor Ratti… poi Papa, Gagliardi… poi sindaco e soprattutto, lasciatemelo dire "Mons. Alberto Rozzoni (ex segretario di Montini) poi Papa Paolo VI" e parroco di Civenna, ora municipio di Bellagio "la perla del Lario". Ora che siamo sul rettilineo d'arrivo e finalmente grazie ad un ambizioso progetto favorito dal prof. Giuseppe merzario, ma voluto dall'ex sindaco di Asso "Giovanni Conti" amico ed allievo di mons "………" di Asso. Il museo si potrà seguire e sostenere tramite "visite virtuali" nel sito www.acraccademia.i e potrà essere definito "l'era delle scoperte e delle arti valassinesi", e seguito della storia della Valassina del prof. Mazza e della storia dei Maestri Comacini del prof. Merzario. Rivalutare le opere di questi "grandi" della Valassina, dalle 5 giornate di Milano al CRV, questo è il nostro compito per onorarne la memoria.
SDM

RICORDI BAGGESI
di CRV-ACR
BAGGIO-BAGGIANI e BAGGESI!

Il 25 aprile abbiamo festeggiato la Liberazione… dal nazifascismo e il nostro pensiero va commesso all'amico partigiano "ISO". L'ex Sindaco e ex Ministro della sanità "Aldo Aniasi". Quando ero consigliere di Zona 18… poi 7… poi municipio… del Comune di Milano mi fece conoscere Walter Tobagi… poi assassinato da un "barbone" delle B.R. e Mitterand mitico presidente "vero socialista francese"… poi liquidato dalla storia come un re/imperatore alla Napoleone! Baggio ha saputo riscattare il suo passato, anche grazie a "ricordi baggesi" che ha creduto nei valori della Resistenza e dell'anticonformismo piccolo borghese, attraverso duo opere importanti il CCR Milano "Il Baggese" poi divenuto "Baggese-Milanese" e il Parco delle Cave, anche tramite il lavoro svolto tra la gente. La cultura ha favorito il passaggio da baggiani a baggesi. (milanesi)…da schiavi a uomini e donne "liberi". Mentre scrivo, riguardo il giornale (siamo arrivati a 269 mila copie stampate e diffuse) grazie anche ai Tobagi-Aniasi Artioli e Mitterand", e i libri, nati dal premio di poesia popolare poi trasformato in "Oscar internazionale "No al Bullismo". Invitiamo i nostri lettori a rileggere "Il Baggese" e "Ricordi Baggesi" della Miriama e di Renata. Li trovate in rete. www.acraccademia.it


IL P.D. HA UN NUOVO CAPO E RACCOGLIE CONSENSO
RENZI-MARTINA E IL POPOLO!

2 milioni di voti per rilanciare Renzi-Martina. Orlando ed Emiliano ottengono un discreto successo. Se "Renzi" ritorna a guidare il partito, lo fa con una nuova proposta. "Sconfitta del populismo con il popolo". Ora gli obiettivi sono una nuova legge elettorale e una nuova Europa dei popoli. Il volontariato assume un valore nuovo anche in politica. Prevale la voglia di una scelta di unire, non di dividere. Occorre avviare a soluzione i buoni propositi, basta divisione "unità è la parola nuova. Con l'unità e una guida sicura si riprende il cammino per il rispetto dei patti e delle regole. Occorre anche fare funzionare la macchina, della scuola e della redistribuzione del reddito, con un rilancio dell'economia e la creazione di nuovi posti di lavoro. I nuovi assetti politici, daranno più sicurezza alla gente, agli investitori e una giustizia più giusta creerà nuova fiducia. Il Partito Democratico ha dimostrato che la democrazia si attua con la partecipazione e discutendo, non litigando. La gente italiana deve ora esigere "rispetto e stima" combattendo il catastrofismo, un Renzi al servizio del partito e del paese, disposto a fare meno chiacchere e più fatti, darà un buon risultato anche alla giusta battaglia dell'Italia in Europa. Sono rose. Ora pensiamo al rilancio italiano.

CRV-ACR

MONDO DONNA COMPIE 25 ANNI

Giovedì 11 maggio l'Associazione Mondo Donna di Quarto Cagnino compirà 25 anni di attività, e per l'occasione darà vita ad una giornata intera colorata da spettacoli e musica presso Spazio Teatro 89 in Via F.lli Zoia 89 a Milano.

Programma

Ore 11.30 Pizzicopera
La compagnia Musica dell'Anima con 14 ballerini in uno spettacolo tra la danza della pizzica e famosi pezzi d'operta.

Ore 13.00 Pranziamo insieme
Riservato ai soli soci 2016-2017, da prenotare presso Mondo Donna. Costo €10 fino ad esaurimento posti dei due ristoranti del nostro borgo.

Ore 15.00 Il cielo in una pancia
Va in scena sul nostro palco Alessandra Faiella in un brillante show comico e poetico scritto da Francesca Sangalli

Ore 17,00 Cantiamo insieme al gruppo musicale Safe & Sound

Gentile Sergio Merzario,
La ringraziamo per l'interesse dimostrato vero la nostra istituzione.
Per diventare socio della Società Umanitaria è necessario versare la quota di € 10,00  o di persona presso la nostra sede sita in via Daverio 7 durante gli orari  di apertura degli uffici magari previa telefonata, oppure versando la quota tramite bonifico bancario indicando, nella causale la motivazione "quota associativa anno 2017".
Per ulteriori informazioni restiamo a sua disposizione.
Cordiali Saluti,
Christian Carta


Da: sergio merzario [mailto:sergio.merzario4658@libero.it]
Inviato: mercoledì 3 maggio 2017 11:57
A: milano@umanitaria.it
Oggetto: richiesta per diventare socio e per associare anche acr di cui sono il Presidente
Un utente ha compliato il modulo contatti sul sito http://umanitaria.it/ | Diventa socio
Il mittente è : sergio merzario , la cui email è sergio.merzario4658@libero.it
Il contenuto del messaggio è il seguente:
[Nome e Cognome] sergio merzario
[Indirizzo email a cui rispondere] sergio.merzario4658@libero.it
[Oggetto della richiesta] richiesta per diventare socio e per associare anche acr di cui sono il Presidente
[Regione di appartenenza] lombardia
[Messaggio] Il Sottoscritto:
Sergio Dario MERZARIO - sergio.merzario4658@libero.it info@acraccademia.it
Socio Fondatore ACR il milanese, il sanremese, CCR il baggese, Club Turati, Acr/Crv e Accademia per il tempo libero. GIORNALISTA, SCRITTORE e DOCENTE Fondatore di (www.acraccademia.it )e Direttore Responsabile dei giornali: "il milanese .. ecct , impegnato nel sociale con l'Unicef! Autore di libri, e collaboratore programmi tv TEL.0287392826 Cell.3402707829- www.acraccademia.it
CHIEDE con la presente di poter diventare Socio della Societa' UMANITARIA e se è possibile di associare anche ACR-ONLUS DI FATTO iscritta al Registro Regionale Lombardo. Saluti
in fede sergio rag merzario di www.acraccademia.it



MUSEO E ARTI-BELLE ARTI! -TURISMO…

La 3° Festa della Primavera di Asso è stata un successo, di pubblico e di indotto per nuove prospettive di economia. Molta gente è venuta per la prima volta ad Asso, ha conosciuto la realtà locale e le sue tradizioni. Il turismo porta nuovo lavoro e risorse economiche. Noi di Acr-Crv abbiamo spiegato il nostro progetto e la proposta del museo ha trovato molti consensi. Esponendo il nostro progetto di arti "belle e al servizio del rilancio del centro paese", abbiamo notato molta attenzione anche alle problematiche economiche e sociali dei giovani e dell'ambiente. La cultura con la "C" maiuscola è ritornata a vivere in Valassina. Ricordavamo ai visitatori, "tantissimi", quando il paese era al centro di molte persone e il crocevia di interessi economici, politici e sociali. La musica, la banda di Asso e la rinascita primaverile ha riportato l'ottimismo e la ricerca di valori autentici. Abbiamo rivisto ballare la gente per le strade e la voglia di scambio dei prodotti, quindi nuovi scambi e nuove vie di lavoro e rinascita di una economia e di conoscenze dei nuovi possibili valori. Il ricavato di AssoIncontra e delle associazioni, pagate le spese, verrà donato alla chiesa di Asso. Come sempre. Abbiamo visto una Asso viva, la capo pieve di un tempo… poi ci sarà il museo.

CRV

Pedofilia nelle Chiesa, Papa Francesco parla di "orrendo peccato", non di reato. L'Onu attende dal Vaticano risposte concrete

Toccante presentazione di Papa Francesco, anticipata da Repubblica, al libro di una vittima della pedofilia nella Chiesa ("La Perdono Padre", Piemme), di un abusato ad otto anni e fino ai 12 anni. Parole nobilissime soprattutto per la straordinaria esperienza umana dell'autore Daniel Pittet che è giunto fino al perdono del suo aguzzino, e pur avendo abbandonato la strada del sacerdozio, si è riconciliato con la sua pur terribile esperienza di vita . È rimasto cattolico e crede in Dio e nella Chiesa.
Nel testo il Papa fa riferimento alla sua lettera apostolica "Come una madre amorevole" del 2016 dove ha dichiarato che è dovere della Chiesa "far prova di severità estrema con i sacerdoti che tradiscono la loro missione, e con la gerarchia, vescovi o cardinali, che li proteggesse, come è già avvenuto in passato".
Papa Francesco parla senza infingimenti del peccato dei sacerdoti, del diavolo che vuole distruggere la vita della Chiesa. Com'è giusto che sia. Manca però forse una parola. La parola "reato".
Anche l'omicidio è un peccato, ma è anche un grave reato, e sotto tutte le latitudini, chi uccide finisce in carcere.
Da quando, il 6 gennaio 2002, negli Stati Uniti esplose il caso pedofilia dei preti sul Boston Globe grazie al team giornalistico investigativo Spotlight sono passati 15 anni. Un tempo infinito. E la comunità internazionale chiede con forza al Vaticano di fare quello che tutti gli altri Paesi fanno: permettere che i responsabili vengano puniti.
Ad oggi ad esempio il Vaticano non ha ancora messo in atto quanto è stato richiesto dal Comitato dell'Onu contro la Tortura nel maggio 2014 per evitare una più che probabile sanzione per violazione della Convenzione internazionale in materia. Alla Santa Sede è stato dato molto tempo per mettersi in regola, fino al prossimo anno (2018). Ma è chiaro che se non interverranno sostanziali modifiche del modus operandi della Santa Sede e della sua struttura legale, la bocciatura è già scritta.
Gli 8 punti critici evidenziati dalla Comitato di Ginevra sono impressionanti, ma non se ne è parlato più.
Innanzitutto va chiarito che gli abusi sui minori dei sacerdoti cattolici costituiscono una violazione della Convenzione internazionale sottoscritta anche da Vaticano sulla tortura. "Non nel senso, - ha spiegato pubblicamente l'allora presidente Claudio Grossman - che la Santa Sede è responsabile per ogni singolo abuso di ogni prete cattolico, ma che la Santa Sede lo diventa ai sensi della Convenzione sulla tortura e della nostra giurisprudenza, se non previene, mette sotto indagine, sanziona chi se ne è macchiato, in qualsiasi parte del mondo egli abbia agito".
Nelle sue "raccomandazioni" il Comitato ha chiesto perciò che il Vaticano dia una piena collaborazione con le autorità civili che perseguono gli abusi nei vari paesi. Ad esempio fornendo tutte le informazioni in possesso della Congregazione per la dottrina della fede. Su questo punto il Vaticano ha da sempre alzato un muro, e anche l'avvocato della Royal Commission australiana, Gail Furness , pochi giorni fa , fornendo i dati impressionanti degli abusi dei preti ha lamentato la non collaborazione.
Il CAT dell'Onu di Ginevra ha chiesto che la sospensione dei sacerdoti accusati avvenga immediatamente, e siano previste sanzioni effettive per i superiori che coprono casi di abuso. La possibilità che fosse istituito un Tribunale "speciale" contro i vescovi che coprono i preti pedofili è stato prima ventilato e poi lasciato cadere.
Il Comitato ha anche chiesto che venga chiarito se la nuova Commissione pontificia presieduta dal cardinale Patrick O'Malley (varata in tutta fretta alla vigilia della riunione del CAT di Ginevra nel maggio 2014) sarà dotata di pieni poteri d' inchiesta (che tuttora non ha e che anzi è stato fin qui escluso che li possa avere).
È stata infine sollecitata la revisione dei Concordati nazionali (come il Trattato del Laterano con l'Italia) nella parte in cui sollevano la gerarchia dall'obbligo di denuncia. E questo è un punto dolentissimo per la Conferenza episcopale italiana.
Il documento inoltre sollecita adeguati risarcimenti per le vittime, e oltre gli indennizzi, misure di riabilitazione e cura, anche a carico degli Ordini religiosi ( esplicito l'esempio delle "Magdalene Laundries" irlandesi).
La lista dei rilievi, come si vede, è lunga. Il vicepresidente del CAT, l'americana Felice Gaer (che rimarrà nel suo incarico fino al 2019) ha evidenziato citando le otto pagine di conclusioni che "se il Comitato affronta un problema e formula raccomandazioni, vuol dire che lo Stato non risponde ai requisiti della Convenzione".
Da Ginevra vengono infine chieste statistiche sui casi di effettiva collaborazione con le autorità civili da parte della Congregazione per la dottrina della Fede. I dati dovranno essere forniti nel prossimo Rapporto che deve essere presentato a Ginevra dal Vaticano entro il 1 settembre 2017. Sia davanti alla Comitato per i diritti del Bambino sia davanti al Comitato contro la Tortura.
L'abuso su minori è un reato non soggetto a prescrizione. Al di là di tutte le citate richieste specifiche, per la prima volta, in base alla giurisprudenza dello stesso Comitato, gli abusi sui minori dei sacerdoti cattolici, finiscono sotto le prescrizioni della Convenzione contro la tortura, di cui davanti al Comitato è stata chiamata a rispondere la Santa Sede in tutto il mondo, e non solo - è scritto esplicitamente - nel piccolo territorio dello Stato della Città del Vaticano.
Questa equiparazione avrà una conseguenza giuridica importante: perché nei tribunali dei Paesi che hanno nel proprio ordinamento il reato di tortura (in Italia è stato introdotto il 5 marzo 2014, ed è applicabile a tutti i cittadini e non solo ai pubblici ufficiali) l'abuso sessuale sui minori potrebbe non essere più soggetto a prescrizione. Il Comitato chiede anche che venga assicurato un meccanismo indipendente in cui le vittime possano denunciare in modo confidenziale gli abusi, in modo che possano essere sottratte a pressioni e ricatti.
Il Comitato ha dato atto alla Santa Sede di aver introdotto il reato di tortura nel nuovo codice penale con la lettera apostolica di Papa Francesco dell 11 luglio 2013, e della creazione della nuova Commissione pontificia per la protezione dei minori, il 5 dicembre 2013.E ha ricordato che le linee guida della Congregazione per la dottrina per la fede del 3 maggio 2011 (durante il pontificato di Benedetto XVI) prevedono che "le prescrizioni della legge civile riguardanti la denuncia di questi crimini alle autorità preposte devono essere sempre seguite".
Resta il fatto che il il tempo passa e le sollecitazioni del CAT dell'Onu sono rimaste per tre anni lettera morta. Mentre incombono le conclusioni della Royal Commission australiana su quanto accaduto anche nella Chiesa cattolica Down Under e i nuovi sviluppi del'indagine penale contro il cardinale George Pell.
omissis.. e per tre giorni si omissis.. il C9 dei cardinali, il Consiglio della Corona di Papa Francesco (di cui fanno parte sia O'Malley sia Pell) , anche di questo dovranno parlare oltre l'approvazione dei bilanci e della riforma dei dicasteri della Curia. ci informeremo meglio presso la collaboratrice che ce l'ha inviato. Sono problemi molto delicati, occorre un'ulteriore verifica. Comunque è ammirevole l'impegno di Papa Francesco per portare un pò di trasparenza in questi delicati percorsi della chiesa cristiana.

Buongiorno, in allegato il comunicato stampa relativo all'avvio della fase 2 del cantiere per l'intervento di ristrutturazione, potenziamento e ampliamento del presidio ospedaliero San Gerardo della ASST di Monza: 600 giorni di lavori per 33 milioni di euro di investimenti.
Resto a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento

Buongiorno, sono 44 i pazienti valutati durante la fase pilota per determinare un trattamento "mirato" e sviluppare nuove potenziali strategie terapeutiche nel carcinoma polmonare, con lo scopo di migliorare la sopravvivenza attraverso un percorso sempre più personalizzato. È questo il primo risultato di "Debios", lo studio condotto dalla struttura complessa di Oncologia medica dell'ospedale San Gerardo nei pazienti affetti da carcinoma polmonare in fase avanzata, che afferiscono al bacino di Monza e Brianza candidati ad un trattamento medico "di prima linea" all'esordio della malattia.
Nel comunicato stampa allegato tutti i dettagli.
Veronica Todaro
Ufficio Stampa
Direzione Generale
ASST Monza
Via Pergolesi 33 - 20900 Monza (MB)
Tel. 039 233 9890
Mobile 337 1497706
Fax 039 233 9775
www.asst-monza.it